Filmati Isis, censura sì o no?

Redazione CP

La nostra è l’epoca delle immagini e nessuno quarant’anni fa avrebbe mai pensato di censurare il cadavere di Aldo Moro crivellato di colpi. Nel 2011 invece le immagini che ritraevano il dittatore Gheddafi senza vita, fecero gridare all’orrore: qualcuno parlò di materiale dalla forte valenza storica, impossibile da censurare, altri invece apostrofarono la scelta di certi giornali come puro sciacallaggio. Oggi il dilemma “è giusto o sbagliato pubblicare certi filmati” si impone mediaticamente, e mentre immagini ributtanti e spaventose continuano…

Continua a leggere
Condividi

Parte (è già partito) Comunicatore Pubblico

Matteo Cadeddu

Start – Fonte: Flickr Ora che siamo Comunicatori Pubblici uno dei nostri più grandi problemi è quello di spiegare alle nostre nonne qual è il nostro mestiere, cosa sappiamo e cosa non sappiamo fare. Non siamo, per esempio (ma potremmo anche esserlo), oratori che parlano davanti alle grandi platee, come potrebbe suggerire il nome. Per tenervi sulle spine non mi dilungherò qui sulla risposta che do di solito a mia nonna o sulle definizioni di Comunicatore Pubblico, alle quali abbiamo dedicato una pagina di…

Continua a leggere
Condividi

Situazione greca, secondo il web “ThisIsACoup”

Luigi Conenna

Fonte: Flickr La partita greca si gioca ormai su più livelli. Se da una parte c’è l’Eurogruppo, con all’interno le sue frange più rigorose e oltranziste, dall’altra c’è l’opinione pubblica, alla quale si può provare a tenere il polso dando uno sguardo ai social. Di certo le decisioni spettano ai primi, ma se è vero che vox populi, vox Dei, non si può restare indifferenti al cospetto di ciò che sta succedendo in queste ore online. Il mondo, Germania inclusa, sembra d’accordo nel…

Continua a leggere
Condividi

Tsipras nel tempio di Bruxelles con Sofocle e l’Herpes

Luigi Conenna
Tsipras a Bruxelles

Alexis Tsipras al Parlamento Europeo, 8 giugno 2015, Bruxelles – Fonte: Flickr Sicuro di sè, tranquillo e a tratti anche sorridente. Se non fosse per quell’herpes sul labbro inferiore che tradisce probabilmente l’accumulo di stress, Alexis Tsipras sembrerebbe quasi sereno. Il mare è in tempesta, ma il capitano si dimostra saldamente al timone e determinato a raggiungere un porto sicuro. Forse questa sicurezza e questa tranquillità derivano anche dalla circostanza, nuova e interessante, in cui il premier greco si trovava…

Continua a leggere
Condividi