Renzi e i gufi portafortuna

Manuela Mondello
Renzi

Il 2015 sta per concludersi “alla faccia dei gufi”. Matteo Renzi, nella sua conferenza stampa di fine anno, ha fatto un bilancio economico e politico di questo 2015, non perdendo occasione per tirare nuovamente in ballo i gufi. “Italia Protagonista” è stato il leitmotiv dell’incontro con i giornalisti nell’aula dei Gruppi parlamentari della Camera dei Deputati, in cui Matteo Renzi, con lo strumento delle slides, ha percorso l’anno che sta per volgere al termine, un 2015 che per il premier è…

Continua a leggere
Condividi

Un manifesto per reinventare il fundraising

Matteo Cadeddu

L’11 dicembre 2015 è stato presentato a Roma, un manifesto volto a sensibilizzare i professionisti, le istituzioni e le organizzazioni sulle strategie per migliorare il sistema del fundraising in Italia. La Scuola di Roma Fund-raising.it, a dieci anni dalla sua fondazione, ha lanciato con il patrocinio di ASSIF (Associazione Italiana Fundraising) un dibattito pubblico per la produzione di questo documento. Più di 800 professionisti, nell’arco di due anni, sono stati coinvolti nella redazione di una serie di suggerimenti raccolti sotto 9 principi…

Continua a leggere
Condividi

Cop21, Parigi: trovato accordo sul clima

Sara Ceredi
Cop21

“Nessuno di noi agendo da solo può raggiungere il successo; il successo è portato da tutte le nostre mani unite.” Con questa frase, citazione storica di Nelson Mandela, si è conclusa a Parigi la ventunesima Conferenza Mondiale sul Clima che ha portato 195 Paesi del mondo a un accordo in materia ambientale dopo oltre vent’anni di tentativi senza ombra di soluzione alcuna. I 13 giorni – dal 30 Novembre all’11 Dicembre 2015 – che hanno visto collaborare i big del…

Continua a leggere
Condividi

Open Data pubblici: quando i numeri generano opportunità

Manuela Mondello
OPEN DATA

Nel nostro quotidiano esistono anche loro: gli Open Data. Ogni giorno raccogliamo e produciamo una vasta gamma di dati diversi perché molte delle nostre attività avvengono con l’ausilio delle piattaforme digitali, in uno spazio ormai ibrido, in cui contemporaneamente siamo offline e online. Tanti dati che producono numeri, registrati da smartphone, computer, carta di credito, utilizzati per acquisti su Internet, per conversare via chat, per recensire un prodotto o cercare sulla mappa un indirizzo. Tutte cose che accadono quotidianamente. Oggi Internet…

Continua a leggere
Condividi

Fare rete: questo è l’avvenire per le professioni legate alla comunicazione

Anna Calò

Ho letto recentemente sul sito di Ferpi (Federazione Relazioni pubbliche italiana) un interessante articolo dove si legge che: “Il futuro del mercato e delle professioni della comunicazione passa per la capacità di fare sistema partendo dalle diverse associazioni che le rappresentano. E’ finita l’epoca della frammentazione delle competenze e delle associazioni. Siamo entrati nell’ era della con-comunicazione, dove o si cammina insieme o non si va da nessuna parte”. Sono interamente d’accordo con tale affermazione, partendo dalla necessità di creare un’unità…

Continua a leggere
Condividi

Quel filo sottile chiamato web reputation

Manuela Mondello

La nostra vita è su Google, signore e signori! Oggi si parla tanto di web reputation, per il crescente utilizzo dei social network. Ma di cosa si tratta esattamente? La web reputation è la nostra carta d’identità, l’insieme delle informazioni e dei contenuti multimediali presenti in rete, che possono riguardare un soggetto o un’azienda. Dati che insieme hanno un valore quantitativo e qualitativo con chiare ripercussioni sulla nostra dimensione offline. Che ci piaccia o no accettarlo, tutti in qualche modo abbiamo fatto…

Continua a leggere
Condividi

L’Aids è Ancora Vivo, Parliamone

Luigi Conenna
Aids Hiv Cp

Oggi 1° dicembre ricorre, come ogni anno dal 1988, la Giornata mondiale contro l’Aids. A causa dell’Aids si contano nel mondo oltre 25 milioni di morti, una cifra davvero alta che non può e non deve assolutamente passare inosservata. Seppure il trend attuale lasci aperto uno spiraglio all’ottimismo non bisogna distogliere l’attenzione dal problema, perché per debellarlo è necessario tenere alto il livello di attenzione. Il rischio è che con l’avanzare della ricerca e il miglioramento delle cure si smetta di…

Continua a leggere
Condividi