Democratici a confronto: la lezione che arriva dagli States

Pierluigi Schiano Moriello

Da Lessig a Clinton, passando per Sanders: cosa potrebbe imparare il PD italiano rispetto ai cugini americani? Un confronto sul filo del dibattito pubblico.   “Come mai siamo ancora sospesi tra la classe dirigente rottamata da Renzi e il vuoto di personalità nuove? Non siamo stati troppo disobbedienti ma semmai poco eretici. E questo ha impedito a nuovi leader di imporsi: Renzi la sua svolta l’ha fatta, noi ancora no”. Intervistato da “La Stampa” qualche giorno fa, Gianni Cuperlo riassumeva…

Continua a leggere
Condividi

La Riforma Costituzionale e il Titolo V

Anna Calò
riforma costituzionale

La riforma costituzionale al vaglio del referendum del prossimo autunno comprende anche la modifica del Titolo V ovvero la parte che regolamenta i rapporti tra lo Stato centrale e il Governo territoriale. Il seguente dossier mette a confronto il testo vigente con il testo modificato. Vediamo, però, meglio nel dettaglio di cosa si tratta e confrontiamo il DDL Boschi con la Riforma del 2001. Innanzitutto, nel disegno attuale di modifica della Carta costituzionale vengono abolite le province che perdono così il…

Continua a leggere
Condividi

048: quando i social commuovono

Sara Ceredi
048, foto Taranto

Oltre tremila like, più di mille condivisioni e almeno duecento commenti: non parliamo della foto di Instragram di qualche personaggio famoso, non stiamo raccontando di una nuova puntata di qualche serie televisiva e non stiamo analizzando il discorso di qualche esponente politico. Parliamo di un abbraccio, di Taranto, dell’ILVA e di due persone dalle scelte di vita molto differenti ma con una caratteristica comune: il codice 048. Il codice 048 è il numero che identifica i malati oncologici esenti dal…

Continua a leggere
Condividi

Quando la radio liberò la mente

Manuela Mondello
Radio

Sono trascorsi 40 anni da quel 28 luglio 1976, quando una sentenza della Corte Costituzionale stabilì la legittimità delle trasmissioni radiofoniche private a diffusione locale. Finì un’epoca, una lunga e grigia epoca, quella del monopolio della radio di Stato. In Italia, quasi in modo fibrillante, cominciarono a proliferare moltissime nuove emittenti, in ogni spazio, in ogni dove. Fu un’emozionante e contagiosa frenesia di conquista dell’etere che si trasmise, è il caso di dire, di persona in persona, senza distinzione tra potenziali…

Continua a leggere
Condividi