Dario Fo: fine di un’epoca o nuovo Rinascimento?

Sara Ceredi

Sono passati solo pochi giorni dalla scomparsa dell’immenso Dario Fo, personaggio eclettico dalla personalità avvolgente del panorama teatrale e televisivo italiano, eppure la sensazione che si respira in questo particolare momento storico appare diversa, come se  non si trattasse semplicemente della sparizione di un artista famoso ma qualcosa di più grande, come se questa mancanza risultasse più ridondante e la ferita più profonda di quanto potrebbe essere. La domanda appare quindi spontanea: perché tale sensazione di smarrimento? Forse perché per…

Continua a leggere
Condividi

Donald Trump e la cerimonia cannibale

Pierluigi Schiano Moriello

È soltanto una corsa presidenziale quella a cui stiamo assistendo? I recenti sviluppi della campagna di Donald Trump lasciano immaginare che la posta in gioco potrebbe essere piuttosto diversa da quella che ci aspettavamo. All’inizio di questo mese avevamo chiuso il nostro commento sul confronto televisivo tra i due principali candidati alle elezioni presidenziali americane con una convinzione sufficientemente solida: il repubblicano Donald Trump era stato travolto dalla sua stessa mancanza di concisione e credibilità dialettica, lasciando campo aperto ad…

Continua a leggere
Condividi

Referendum Costituzionale: mozione di sfiducia sotto mentite spoglie

Manuela Mondello
referendum costituzionale

Più che un voto referendario sembra un aut aut politico È la campagna elettorale più lunga della Repubblica Italiana, quella del referendum costituzionale che ha preso il via lo scorso maggio e si concluderà il 4 dicembre prossimo, quando milioni di italiani saranno chiamati alle urne per decidere il destino di un referendum peculiare. È un caso interessante di permanent campaigning in cui le strategie che vengono messe in campo dagli opposti schieramenti dimostrano scelte comunicative ben consolidate. La campagna comunicativa…

Continua a leggere
Condividi

Hillary Clinton contro Donald Trump: è 1 a 0

Pierluigi Schiano Moriello

Nel primo faccia a faccia per la Casa Bianca, la candidata democratica svetta sul tycoon repubblicano. Ma la corsa presidenziale resta apertissima. Diamo un’occhiata alla retorica del loro primo confronto pubblico. Expertus metuit: ovvero “colui che ha esperienza teme”, recita un proverbio latino ispirato ad Orazio. Potrebbe essere questa la morale da stilare a proposito del primo dibattito presidenziale del 26 Settembre, che ha visto una navigata Hillary Clinton approfittare per 90 minuti della totale mancanza di preparazione di Donald…

Continua a leggere
Condividi