Paolo Villaggio, comunicatore di un’epoca

Sara Ceredi

  Sono passati solo pochi giorni dalla scomparsa di Paolo Villaggio (30 Dicembre 1932 – 03 Luglio 2017), sceneggiatore, comico e scrittore genovese conosciuto al grande pubblico come il Ragionier Ugo Fantozzi. Artista epocale del grande schermo, Paolo Villaggio ci lascia con un bagaglio comunicativo importante e già leggendario, essendo riuscito a trasformare i suoi scritti in personaggi diventati icone e simboli della realtà italiana del secondo dopoguerra, riuscendo con il suo linguaggio ad arrivare a ognuno di noi. Nato…

Continua a leggere
Condividi

Safer Internet Day e lotta al cyberbullismo, la giusta direzione

Luigi Conenna

Oggi, 7 febbraio, si celebra in più di cento Paesi il “Safer Internet Day“, la giornata mondiale della sicurezza in rete istituita dalla commissione Europea e giunta alla XIV edizione. Lo scopo di questa giornata è di riflettere insieme su quali pratiche andrebbero adottate per fare del web un luogo accogliente, piacevole e sicuro per tutti, a cominciare dalle nuove generazioni. L’essere nativi digitali implica necessariamente il dover essere educati al rispetto e alla convivenza pacifica anche online, come nuova dimensione sociale.…

Continua a leggere
Condividi

Crisi di governo e legge elettorale. Tutto quello che c’è da sapere.

Anna Calò

Come per preparare un esame importante, un compito in classe a scuola o un semplice discorso da fare davanti al tuo capo per tentare di convincerlo che la tua è la proposta migliore, in tutte queste occasioni della vita serve uno schema, un riassunto mentale che ci guidi nel non commettere errori. Serve farlo anche adesso per tentare di spiegare una situazione politica assai complessa e delicata. Cercherò di raccontare ai difensori della Costituzione cosa prevede la Costituzione stessa. Una settimana fa, ci…

Continua a leggere
Condividi

Elezioni USA, triste fine di una campagna vuota

Luigi Conenna

Ci siamo quasi, finalmente. Siamo a meno di una settimana dalle elezioni presidenziali americane; a breve quindi si chiuderà la lunga campagna elettorale che, dalle primarie fino allo scontro finale Trump-Clinton, ci ha un po’ intrattenuti, e parecchio annoiati. Certo, la seconda è solo un’opinione personale, ma nelle righe che seguono cercherò di spiegare il perché.   Perché seguire la campagna elettorale americana, se siamo in Italia e ci occupiamo di comunicazione pubblica? Perché, che piaccia o no, siamo legati agli…

Continua a leggere
Condividi

Dario Fo: fine di un’epoca o nuovo Rinascimento?

Sara Ceredi

Sono passati solo pochi giorni dalla scomparsa dell’immenso Dario Fo, personaggio eclettico dalla personalità avvolgente del panorama teatrale e televisivo italiano, eppure la sensazione che si respira in questo particolare momento storico appare diversa, come se  non si trattasse semplicemente della sparizione di un artista famoso ma qualcosa di più grande, come se questa mancanza risultasse più ridondante e la ferita più profonda di quanto potrebbe essere. La domanda appare quindi spontanea: perché tale sensazione di smarrimento? Forse perché per…

Continua a leggere
Condividi

La Riforma Costituzionale e il Titolo V

Anna Calò
riforma costituzionale

La riforma costituzionale al vaglio del referendum del prossimo autunno comprende anche la modifica del Titolo V ovvero la parte che regolamenta i rapporti tra lo Stato centrale e il Governo territoriale. Il seguente dossier mette a confronto il testo vigente con il testo modificato. Vediamo, però, meglio nel dettaglio di cosa si tratta e confrontiamo il DDL Boschi con la Riforma del 2001. Innanzitutto, nel disegno attuale di modifica della Carta costituzionale vengono abolite le province che perdono così il…

Continua a leggere
Condividi

La Comunicazione Pubblica, da #PAsocial in poi

Luigi Conenna
#pasocial

  Comunicazione pubblica come spazio aperto di interazione fra pubbliche amministrazioni e cittadini, che attraverso l’accesso a informazioni e comunicazioni provenienti da canali ufficiali della PA possono (e devono) essere inclusi sempre più nella vita democratica del Paese. Questo, in estrema sintesi, il ruolo che dovrebbe avere la comunicazione pubblica in un sistema sano e con ambizioni di crescita reale, che voglia muovere i suoi passi in un’ottica di partecipazione. Comunicazione pubblica che, in realtà, poteva e doveva essere implementata e…

Continua a leggere
Condividi

Recensione: La comunicazione sociale

Matteo Cadeddu

Che rapporto intercorre tra la comunicazione commerciale e quella sociale? È giusto investire in campagne sociali, in particolare sui mass media, quando queste iniziative non riescono a raggiungere la soglia minima di attenzione? La comunicazione sociale è sempre etica? Edito da Carocci nel 2010, “La comunicazione sociale” è un vero e proprio manuale che vuole mettere insieme gli strumenti di una materia che, solo nell’ultimo decennio, si è sviluppata esponenzialmente. Tra convegni, letteratura specializzata e nuovi percorsi universitari, la comunicazione…

Continua a leggere
Condividi

Brand Milano: raccontare identità urbane

Pierluigi Schiano Moriello

Quando lo scorso autunno ho ricevuto l’incarico di organizzare un ciclo seminariale per l’aggiornamento professionale di PR, funzionari e addetti stampa del Comune di Milano sul tema del public branding, le reazioni che ho avuto modo di raccogliere dai partecipanti sono state sia di vivace curiosità che di circospezione critica, con un pizzico di diffidenza. Il pregiudizio era palpabile: quanto c’è di necessario nel mischiare il lessico dei beni comuni con il vocabolario proprio dell’impresa, assimilando all’inventario operativo della comunicazione…

Continua a leggere
Condividi

Amministrative 2016, il tramonto della vecchia politica

Manuela Mondello

È stata lunga e sofferta, la notte elettorale del voto amministrativo, condizionata da risultati incerti, sospiri nervosi e pronostici perlopiù disattesi. Il primo turno delle elezioni amministrative 2016 ci lascia un unico dato certo: nelle grandi città (Roma, Milano, Napoli, Torino e Bologna) si dovrà attendere il ballottaggio del 19 giugno per avere i verdetti finali. Pochi vincitori, molti vinti con l’andamento dell’astensionismo che segue ormai un trend costante: fotografa, ancora una volta, un’Italia in cerca di una proposta politica…

Continua a leggere
Condividi