La comunicazione è una scusa o un problema? 

Anna Calò

Ho fatto questo semplice esperimento, che non ha alcuna valenza scientifica, ma mi è utile per introdurre l’argomento di cui intendo trattare. Provate ad entrare su Google e digitate nella barra del cerca “ERRORE DI COMUNICAZIONE“, andate nella sezione “Notizie” e scoprirete che praticamente ogni giorno esce una notizia dai contenuti più disparati che contiene questa dicitura. Dal mondo del calcio, alla politica, all’imprenditoria fino alla pubblica amministrazione, tutti ogni giorno compiono errori di comunicazione. Allora la mia domanda sorge…

Continua a leggere
Condividi

2017, la sfida della disinformazione

Pierluigi Schiano Moriello

Comunicatore Pubblico inaugura il 2017 introducendo un tema che ci troveremo a seguire molto da vicino: il rapporto tra disintermediazione social e disinformazione virale. Lo scorso novembre l’Oxford English Dictionary ha eletto “post-verità” (post-truth per l’universo anglofono) come parola dell’anno di questo 2016 appena trascorso, utilizzata per significare letteralmente “l’insieme di varie circostanze per cui i fatti oggettivi sono ormai diventati meno determinanti nell’influenzare l’opinione pubblica rispetto al richiamo dell’emotività e delle credenze personali”. La ricerca condotta dal dipartimento di…

Continua a leggere
Condividi

I costi del comunicare male: #FertilityFake

Matteo Cadeddu

Gli slogan della contro-campagna nata dal basso, #FertilityFake, sono più efficaci e comprensibili degli slogan del “Fertility Day” del Ministero della Sanità.   Non voglio entrare troppo nel merito della campagna, che già a partire dal nome in inglese crea delle barriere nella comprensione: molti hanno già analizzato e commentato ogni singola immagine. Il nodo che vorrei affrontare è quello dell’assoluta incompetenza di chi fa comunicazione all’interno di (alcune) istituzioni. Dopo il putiferio scatenato per la seconda campagna, Daniela Rodorigo…

Continua a leggere
Condividi

#EstuproNuncaMais, le donne brasiliane contro lo stupro

Sara Ceredi
CP - #EstuproNuncaMais

Guardando l’immagine in copertina, a cosa pensi? Che cosa associ a questa rappresentazione? Ne ricavi un messaggio o ti sembra una figura insensata? E poi, che cosa riguarda? Perché c’è del sangue? Sarà mica morta la ragazza?   Questi sono stati i molteplici pensieri che sono passati per la mia testa, appena mi sono imbattuta in questa immagine sul web. Inizialmente ho pensato che rappresentasse il dolore fisico del periodo mestruale tipico di ogni donna anche perché, per quale altro…

Continua a leggere
Condividi

Ilpopulista.it, ora anche Salvini ha il suo blog

Luigi Conenna
CP - Salvini

Matteo Salvini lancia Ilpopulista.it, il suo blog dove si parla alla pancia dell’elettorato per mezzo della solita, ma sempre più attuale, propaganda. Dopo Grillo e Renzi, anche a destra c’è chi conquista il web, che da essere speranza per il futuro dell’informazione si pone sempre più come luogo pieno di pericoli per il cittadino/elettore   Democrazia significa partecipazione alla cosa pubblica, e per partecipare con cognizione di causa il cittadino deve essere informato. Il ruolo dell’informazione è tanto centrale da…

Continua a leggere
Condividi

Coop e Report. Un altro esempio di comunicazione di crisi.

Anna Calò

Torniamo a parlare di comunicazione di crisi e lo facciamo a seguito della messa in onda del servizio di Report di domenica sera che ha mostrato presunti atteggiamenti illeciti da parte di Coop Italia. Partiamo dal presupposto che nel mondo iper connesso e globalizzato nel quale viviamo, nessuna organizzazione, nessun prodotto, nessun personaggio pubblico può considerarsi immune dal rischio di crisi. A pronunciare queste parole fu Mitroff, fondatore dell’Istitute for Crisis Management, nel 1997, il quale ritiene che la vera…

Continua a leggere
Condividi

Recensione: Crowdfunding nell’Era della Conoscenza

Matteo Cadeddu

“Chiunque può realizzare un progetto, il futuro è oggi.” Il libro in questione comincia parlandoci della transazione dall’economia industriale a quella sociale. Il cambio di paradigma è lo spazio in cui vengono plasmate nuove professioni, ristrutturate altre, e completamente demolite quelle che non sono state in grado di interpretare il cambiamento. Uno dei ruoli fondamentali del Comunicatore Pubblico è proprio quello di essere in grado di muoversi liquidamente nella modernità, comprendendo il presente in modo da poter fare da ponte tra…

Continua a leggere
Condividi

SPID: cosa è, come funziona, a cosa serve

Luigi Conenna

Martedì 8 marzo a Roma, presso la sala Giannini del palazzo Vidoni, si è svolta la conferenza stampa di presentazione di SPID, il Sistema Pubblico di Identità Digitale. La nascita di questo sistema dovrebbe agevolare i cittadini che vorranno o dovranno relazionarsi con la Pubblica Amministrazione (es. Agenzia delle entrate, INAIL, INPS) o con quei privati che vorranno usufruire di questo sistema di certificazione (es. banche). Vediamo rapidamente cosa è e come funziona lo SPID. Cosa è lo SPID Lo SPID…

Continua a leggere
Condividi

Bertolaso Sì, Bertolaso No, Bertolaso forse

Sara Ceredi
Bertolaso - CP

Guido Bertolaso alla guida della città eterna: alleati e esponenti del centro destra perplessi, unico convinto Silvio Berlusconi   ♫ ♫ Italia Sì.. Italia No.. Italia dai.. la Terra dei Cachi.. ♫ ♫ Questa canzone di Elio e Le Storie Tese datata febbraio 1996 appare oggi estremamente attuale nel clima delle primarie (o forse no) del centro destra che si stanno discutendo in questi giorni a Roma; bisognerebbe semplicemente sostituire alla parola Italia il cognome Bertolaso e il gioco è fatto, o quasi!…

Continua a leggere
Condividi

L’eredità di Moro e la comunicazione politica

Luigi Conenna
moro

Da oggi, 24 febbraio 2016, una sala riunioni del Parlamento europeo a Bruxelles sarà intitolata ad Aldo Moro. A un secolo dalla sua nascita (avvenuta a Maglie, in Puglia, nel 1916) a Bruxelles si sono riunite alte cariche europee e italiane per celebrare lo statista, padre costituente, due volte premier, presidente e segretario della Dc e più volte Ministro (giustizia, esteri e pubblica istruzione). Un’esistenza troncata troppo presto da non si sa bene chi e in circostanze sospette: si fa presto a…

Continua a leggere
Condividi