Chi meno ne sa, più commenti

Elisa Nicolaci

Succede che nella notte tra sabato 21 e domenica 22 ottobre un ragazzo di 24 anni ha un incidente con il suo motorino. Dopo qualche minuto passa su quella stessa strada di Riccione un ragazzo poco più grande di lui (di cui volontariamente non riporto il nome, anche se si può trovare in qualsiasi articolo) che rimane colpito da quello che vede: un corpo per terra e delle persone intorno. Decide di fermarsi. Gli dicono che i soccorsi sono già…

Continua a leggere
Condividi

La comunicazione è una scusa o un problema? 

Anna Calò

Ho fatto questo semplice esperimento, che non ha alcuna valenza scientifica, ma mi è utile per introdurre l’argomento di cui intendo trattare. Provate ad entrare su Google e digitate nella barra del cerca “ERRORE DI COMUNICAZIONE“, andate nella sezione “Notizie” e scoprirete che praticamente ogni giorno esce una notizia dai contenuti più disparati che contiene questa dicitura. Dal mondo del calcio, alla politica, all’imprenditoria fino alla pubblica amministrazione, tutti ogni giorno compiono errori di comunicazione. Allora la mia domanda sorge…

Continua a leggere
Condividi

Ai Weiwei è un artista che sa comunicare

Anna Calò

Le opere d’arte circolano velocemente sotto forma di immagini, si comprimono e si adattano ai formati dei social network, ricevono cuori su Instagram o like e smile su Facebook. Ai Weiwei sostiene che: “penso che l’arte non avrà nessun tipo di futuro se non riuscirà ad adattarsi alla tecnologia e alla vita di oggi”. Un artista infatti che cura con attenzione i suoi profili social riesce a veicolare meglio il suo messaggio e ad accrescere la sua audience quantificandola in follower, view e share. Palazzo Strozzi, a…

Continua a leggere
Condividi

048: quando i social commuovono

Sara Ceredi
048, foto Taranto

Oltre tremila like, più di mille condivisioni e almeno duecento commenti: non parliamo della foto di Instragram di qualche personaggio famoso, non stiamo raccontando di una nuova puntata di qualche serie televisiva e non stiamo analizzando il discorso di qualche esponente politico. Parliamo di un abbraccio, di Taranto, dell’ILVA e di due persone dalle scelte di vita molto differenti ma con una caratteristica comune: il codice 048. Il codice 048 è il numero che identifica i malati oncologici esenti dal…

Continua a leggere
Condividi

PA Social: quanto possiamo imparare dalla polizia di Monaco?

Stelio Pagnotta

Qualche settimana fa avevamo introdotto il tema della PASocial, quella dei social media, una nuova forma di comunicazione pubblica che innovando linguaggi e strumenti si configura come uno spazio aperto di interazione tra pubbliche amministrazioni e cittadini. I social media – appunto –  rispondono sempre più all’esigenza di mettere in relazione e condividere, e rappresentano veri e propri cassetti di contenuti sulle attività delle pubbliche amministrazioni in grado di semplificare il rapporto tra cittadini e PA. Affinché però la pubblica…

Continua a leggere
Condividi

Renzi e i gufi portafortuna

Manuela Mondello
Renzi

Il 2015 sta per concludersi “alla faccia dei gufi”. Matteo Renzi, nella sua conferenza stampa di fine anno, ha fatto un bilancio economico e politico di questo 2015, non perdendo occasione per tirare nuovamente in ballo i gufi. “Italia Protagonista” è stato il leitmotiv dell’incontro con i giornalisti nell’aula dei Gruppi parlamentari della Camera dei Deputati, in cui Matteo Renzi, con lo strumento delle slides, ha percorso l’anno che sta per volgere al termine, un 2015 che per il premier è…

Continua a leggere
Condividi

Open Data pubblici: quando i numeri generano opportunità

Manuela Mondello
OPEN DATA

Nel nostro quotidiano esistono anche loro: gli Open Data. Ogni giorno raccogliamo e produciamo una vasta gamma di dati diversi perché molte delle nostre attività avvengono con l’ausilio delle piattaforme digitali, in uno spazio ormai ibrido, in cui contemporaneamente siamo offline e online. Tanti dati che producono numeri, registrati da smartphone, computer, carta di credito, utilizzati per acquisti su Internet, per conversare via chat, per recensire un prodotto o cercare sulla mappa un indirizzo. Tutte cose che accadono quotidianamente. Oggi Internet…

Continua a leggere
Condividi

Quel filo sottile chiamato web reputation

Manuela Mondello

La nostra vita è su Google, signore e signori! Oggi si parla tanto di web reputation, per il crescente utilizzo dei social network. Ma di cosa si tratta esattamente? La web reputation è la nostra carta d’identità, l’insieme delle informazioni e dei contenuti multimediali presenti in rete, che possono riguardare un soggetto o un’azienda. Dati che insieme hanno un valore quantitativo e qualitativo con chiare ripercussioni sulla nostra dimensione offline. Che ci piaccia o no accettarlo, tutti in qualche modo abbiamo fatto…

Continua a leggere
Condividi

La denuncia sociale ai tempi di Facebook

Matteo Cadeddu
La denuncia sociale ai tempi di Facebook
La denuncia sociale ai tempi di Facebook
La denuncia sociale ai tempi di Facebook
La denuncia sociale ai tempi di Facebook
La denuncia sociale ai tempi di Facebook
La denuncia sociale ai tempi di Facebook

“La tecnologia ha cambiato il nostro modo di comunicare ma non penso che sia peggio ora del passato, è semplicemente differente. Nelle grandi città ancora oggi ci sono problemi di comunicazione. Da un lato con internet è più semplice, dall’altro è più facile anche isolarsi dalla realtà, restare quindi soli.” Luis Quiles sulla comunicazione contemporanea, in un’intervista pubblicata su Il Fatto Quotidiano. Il disegnatore citato, di origine spagnola, è l’artefice delle immagini che trovate in testa a questo articolo. La…

Continua a leggere
Condividi